testata
cerca
fascicoli foto video scritti
LA MIA APPIA. LABORATORIO DI MONDI POSSIBILI TRA FERITE ANCORA APERTE
Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma
Regione Emilia Romagna IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna
foto Antonio Cederna

RITRATTO DI ANTONIO CEDERNA

Tratto da "Ritratto di Antonio Cederna" di Vezio De Lucia, scritto per Città Territorio Festival, Ferrara 16/19 aprile 2009

Che mestiere faceva Tonino Cederna? Era stato archeologo (aveva anche fatto una campagna di scavi a Carsoli in Abruzzo, il resoconto è pubblicato in Brandelli d'Italia), comiciò a scrivere come critico d'arte su "Lo spettatore italiano", rivista diretta da Elena Croce, e nel 1949 iniziò la collaborazione con "Il Mondo", diretto da Mario Pannunzio. Dopo la chiusura del prestigioso settimanale, scrisse sul Corriere della Sera, poi su la Repubblica e collaborò con "l'Espresso" e altri periodici. Accanto all'attività di giornalista, non trascurò mai d'impegnarsi nelle associazione culturali, fu anche due volte consigliere comunale a Roma, e quindi deputato indipendente nelle liste del Pci, presidente del parco dell'Appia Antica. Da deputato della X legislatura collaborò attivamente all'approvazione delle due fondamentali leggi per la difesa del suolo (183/1989) e per la protezione della natura (394/1991).

E' negli anni di collaborazione con "Il Mondo" che matura il carattere della sua scrittura - al tempo stesso semplice e colta, che sa farsi tagliente, con un vocabolario sorprendente, ma sempre appropriato - e si definisce il perimetro dei suoi interessi, che in fondo coincidono con l'urbanistica moderna (moderna è la qualificazione che Cederna non dimentica mai di attribuire all'urbanistica che ama). Un'urbanistica dagli orizzonti vastissimi: tutto lo spazio comunque vissuto dall'uomo, la sua storia, le sue regole.

Scriveva con assoluta indipendenza di giudizio, fermo nei suoi principi, fedele alla concretezza dei fatti. Ineguagliata è l'esattezza geometrica delle descrizioni. Maria Pia Guermandi ha scritto che "parafrasare Cederna è una sfida linguistica piuttosto frustrante, perchè si finisce piuttosto per ricopiarlo, arrendendosi all'evidenza che meglio di così quel fenomeno, evento, meccanismo, luogo, non poteva essere descritto o definito".
è noto il rigore estremo che poneva nel selezionare la documentazione dalla quale attingeva, e la puntigliosità con la quale riferiva i dati e le quantità relativi alle situazioni di cui dava conto. Non cedeva mai all'approssimazione, era anzi sempre disponibile e pronto a impadronirsi, non senza fatica, delle più complesse e specializzate questione tecniche, le norme, i parametri, le misure. E se ciò comportava l'esposizione di aridi elenchi, non se ne preoccupava, e sfidava imperterrito la pazienza del lettore. Perciò si è detto che Cederna era posseduto da una sorta di etica dei numeri, che sostiene la sua intransigenza e la sua indignazione.
leggi tutto
  • Sfoglia la presentazione
  • Sfoglia la presentazione
  • Sfoglia la presentazione